Gonçalo Mabunda

Sembra facile essere solidali… #1

Continua a leggere...

Come si ride in Africa? #2

Continua a leggere...

Vuoi andare in Mozambico? #3

Continua a leggere...

Vado in Mozambico! Ma a fare cosa? #4

Continua a leggere...

Le riunioni #5

Continua a leggere...

Da dove comincio? #6

Continua a leggere...

Il Teatro dei Venti di Modena #7

Continua a leggere...

I primi contatti con il Mozambico #8

Continua a leggere...

Agenda prima missione in Mozambico #9

Continua a leggere...

Prima Missione: Arrivo a Maputo #1

Continua a leggere...

Ma dove sono? #2

Continua a leggere...

Incontro con Alvim Cossa #3

Continua a leggere...

Spettacolo Teatro do Oprimido #4

Continua a leggere...

Incontro con l’Associazione Machaka #5

Continua a leggere...

Lo Spettacolo del Gruppo Machaka #6

Continua a leggere...

Manuela Soeiro e il Teatro Avenida #7

Continua a leggere...

Gonçalo Mabunda #8

Continua a leggere...

Incontro con l'Associazione Luarte #9

Continua a leggere...

Spettacolo Luarte #10

Continua a leggere...

Viaggio Maputo - Pemba #11

Continua a leggere...

Vitor Raposo #12

Continua a leggere...

Viaggio Pemba – Palma #13

Continua a leggere...

Visita al villaggio di Quionga #14

Continua a leggere...

Visita al villaggio di Quirindi #15

Continua a leggere...

Quella spiaggia meravigliosa! #16

Continua a leggere...

Visita al villaggio di Pundanhar #17

Continua a leggere...

Il Mamãe Kit #18

Continua a leggere...

Visita all'ospedale di Palma #19

Continua a leggere...

Ritorno in Italia #20

Continua a leggere...

Il progetto continua! #1

Continua a leggere...

Ma quante riunioni facciamo?!? #2

Continua a leggere...

Agenda seconda missione in Mozambico #3

Continua a leggere...

Seconda missione in Mozambico, arrivo a Pemba #4

Continua a leggere...

Felix Mambucho #5

Continua a leggere...

Spettacolo Vitor Raposo e compagnia Tambo Tambulani Tambo #6

Continua a leggere...

Viaggio Pemba - Palma #7

Continua a leggere...

Spettacoli a Palma, via ai casting! No, fermi tutti! #8

Continua a leggere...

Grupo do funzionarios #9

Continua a leggere...

Spettacoli (e casting) nel villaggio di Pundanhar #10

Continua a leggere...

Spettacoli (e casting) nel villaggio di Quionga #11

Continua a leggere...

Selezione degli attori per gli stage in Italia #12

Continua a leggere...

Siete pronti a venire in Italia? #13

Continua a leggere...

Ritorno in Italia e fine seconda missione #14

Continua a leggere...

Preparazione del primo stage di teatro ad Alcatraz #1

Continua a leggere...

L’arrivo alla Libera Università di Alcatraz #2

Continua a leggere...

Si comincia! #3

Continua a leggere...

Mario Pirovano #4

Continua a leggere...

Recitiamo con Mario Pirovano #5

Continua a leggere...

Il braccio si alza a solo! #6

Continua a leggere...

Un tuffo nel teatro #7

Continua a leggere...

Raccontiamo una storia d'amore! #8

Continua a leggere...

Il duro lavoro dell'attore #9

Continua a leggere...

Che giornate! #10

Continua a leggere...

O falso médico! #11

Continua a leggere...

Tutti a fare shopping! #12

Continua a leggere...

Lo spettacolo prende forma #13

Continua a leggere...

Ci serve un'ecografia! #14

Continua a leggere...

Roma, non sei mai stata così bella! #15

Continua a leggere...

Secondo stage: il giorno prima... #1

Continua a leggere...

17-diario-goncalo-1080-2Gonçalo Mabunda, nato nel 1975 a Maputo, costruisce statue e sculture utilizzando armi e proiettili (disinnescati) della guerra civile, una guerra che, tra il 1981 e il 1994, ha provocato circa un milione di morti, di cui 95% civili.

Noti in tutto il mondo sono i suoi Troni della Pace. La seduta è fatta con bossoli di proiettili, il bracciolo è il calcio di un fucile. Mi ci sono seduto, che onore!

Gonçalo ci fa vedere le sue foto con Bill Clinton e Papa Giovanni Paolo II: “Ho fatto anche una scultura per il Vaticano. Sono stato in Italia!”

Ci racconta che ora vive stabilmente a Maputo e si occupa soprattutto dei ragazzi poveri del suo quartiere, a cui insegna a saldare e lavorare il metallo. E proprio mentre ci parla, sul terrazzo, sgrida un ragazzino che stava attraversando la strada senza guardare.

Goncalo

Le maschere e le sculture hanno una forza incredibile, se ne sente l’energia sfiorandole. Gli domando quanto ci mette a creare un’opera, mi risponde che dipende, per alcune ci vogliono anche settimane di lavoro. Visitiamo il suo laboratorio, all’aperto, ci sono pezzi di metallo ovunque. Ci spiega che le armi vengono disinnescate da una ONG di Maputo: quando sono pronte lui le va a ritirare.

Gonçalo ha una faccia giovane, non dimostra i suoi 40 anni, ha un occhio rovinato, probabilmente dalle scintille di una saldatura, ha carisma, ride, scherza, insiste per portarci a bere.

E perché no …

(Per maggiori informazioni su Gonçalo Mabunda http://www.jackbellgallery.com/artists/29-Gon%C3%A7alo-Mabunda/overview/, https://www.facebook.com/goncalo.mabunda .

Per vedere le sue opere digitate Gonçalo Mabunda su Google immagini).