MACUA - DATI STORICI

Continua a leggere...

ATTIVITA' ECONOMICHE

Continua a leggere...

SOCIETÀ E INDIVIDUO

Continua a leggere...

STRUTTURA SOCIALE

Continua a leggere...

VITA E COSMOVISIONE

Continua a leggere...

RITI DI PASSAGGIO - La nascita

Continua a leggere...

RITI DI PASSAGGIO - I riti di iniziazione dei giovani

Continua a leggere...

RITI DI PASSAGGIO - I riti di iniziazione delle giovani

Continua a leggere...

RITI DI PASSAGGIO – Matrimonio, Relazioni sessuali, Divorzio

Continua a leggere...

LA MALATTIA E I RITI DI CURA

Continua a leggere...

I Macua – Società e Individuo

Rubrica a cura dell’antropologa Timi GASPARI

Anzitutto ricordo che tra i Macua si ha una concezione di persona differente da quella individualista occidentale: l’individuo Macua non si può concepire da solo, isolato dalla società.

Essere vuol dire “essere in relazione con gli altri”.

Con ciò non si vuol dire che l’individuo sia completamente annullato, assorbito dalla comunità, anzi, ma che sicuramente i vincoli sociali e familiari sono molto più stretti e forti di quel che succede in occidente. Per reazione gli individui cercano spesso escamotage per riuscire a svicolare da queste costrizioni; bisogna sempre ricordarsi che in una società si hanno sì norme, ma anche pratiche concrete, con le quali spesso si cerca di piegare, adattare o sfuggire alle rigide norme e prescrizioni ufficiali.

Molti racconti mozambicani si basano proprio su avventure e disgrazie di chi cerca di fare il furbo, il trickster, colui che cerca di sfuggire a queste prescrizioni e trovare scorciatoie, colui che cerca di fare le cose unicamente a suo vantaggio senza considerare gli altri membri della famiglia o della comunità.

macua bimbi

Questa impostazione, comune a tutto il Mozambico, ha conseguenze molto forti. Si tratta in fondo di una strategia di sopravvivenza necessaria per chi vive in povertà, perché nei momenti di difficoltà tutta la famiglia, anche i cugini di sesto grado, vengono in aiuto; ma è anche un limite che impedisce l’uscita dalla povertà. Infatti coloro che ad un certo punto riescono, in un qualche modo, ad avere una condizione economica leggermente migliore sono sempre coloro che più devono contribuire in caso di problemi di membri della famiglia, ritrovandosi così a dover ridistribuire quel poco in più che faticosamente avevano ottenuto. Ho letto almeno due studi sociologici condotti nel centro del Mozambico che mostravano come coloro che avevano una condizione economica migliore rispetto alla maggioranza erano coloro che avevano quasi tagliato i rapporti con le proprie famiglie. La povertà (ovvero, un principio sociale che permette la sopravvivenza in uno stato di povertà) riproduce la povertà.

Questo principio ha grandi conseguenze sugli interventi che si vogliono operare all’interno delle comunità.

Un progetto che voglia beneficiare un determinato target di individui della comunità spesso fallisce perché ha escluso troppo gli altri, e non è ben visto il fatto che solo alcuni ricevano e altri no. Gli stessi beneficiari spesso auto-sabotano il progetto per non incorrere in problemi, invidie e conflitti con gli altri membri della comunità.

E’ quindi sempre prioritario interpellare in anticipo le comunità per decidere chi e come beneficerà di una certa iniziativa.

I MACUA – STRUTTURA SOCIALE

(CONTINUA… )

contesto