IL TEATRO IN MOZAMBICO

Rubrica a cura di Vitor RAPOSO, direttore del Centro Tambo Tambulani Tambo di Pemba

Estratti scenici di commedia – 1

Gran parte delle commedie in Mozambico hanno come personaggio il “curandeiro”. Ecco alcuni stralci di alcune opere teatrali.

Capulana rara

Il rullare dei tamburi dà il senso della carica mitica della cerimonia.

Curandeiro- Cosa c’è che non va?

Padre- Abbiamo sentito che nostra figlia è andata in città. Ma in verità  non lo sappiamo, è semplicemente scomparsa da casa.  Non ha nemmeno salutato lo sposo che aveva pagato con denaro e due capre per la cerimonia di iniziazione delle ragazze. Tu, che sei più anziano,  fai in modo di riportare indietro la nostra figlia….

Si ode ancora un po’ il suono dei tamburi e…

Curandeiro- Sicuramente è in città, lo vedo qui, nello specchio.

Madre – Posso vedere?

teatro Raposo

Curandeiro- No; Non può! Altrimenti rovina tutto.

Madre- E che cosa sta facendo?

Curandeiro- Non chiedere troppe cose. Hai la capulana (il telo colorato che ogni donna mozambicana possiede – n.d.t.)?

Madre- Si!

Curandeiro- Una gallina?

Padre- Si, si!

Curandeiro-  Bene. Portate questa medicina e lasciatela nella sua camera da letto. Tornerà!

Madre- Quindi tornerà?

Curandeiro- Non ti fidi?

Madre- No!

Curandeiro- Finito; andate via.


Tambureggiare di denuncia (Dondocha)

I Tamburi riprendono a suonare e subito dopo inizia a vibrare la coda di un animale nero. Questa volta vibra puntando in alto. Ngori chiama il suo assistente e dà l’ordine di salire sull’albero di cocco che si trova lì vicino. Anche l’uomo beve il liquido dalla bottiglia e sputa nel fusto della pianta. Allora si arrampica. Raggiunta la cima, chiede quale delle noci di cocco debba prendere, e Ngori gli indica quella esatta. La noce di cocco è caduta per terra ed è stato dato l’ordine di aprirla. Un’operazione che richiede una certa cura.  Vengono eseguite le dovute operazioni  e il cocco viene aperto a una estremità. Esattamente quella che tiene il frutto attaccato all’albero. Ngori   introduce la mano all’interno del frutto e toglie il vecchio per il colletto. Il vecchio ancora una volta riusce a sfuggire dalle mani di Ngori e va  a rifugiarsi in una mangrovia.

 Ngori- Aspettiamo.  La marea si alzerà e lui verrà fuori. Non si può rimanere a lungo nella mangrovia.

Poco dopo, il vecchio appare con l’acqua al petto. Quando tenta di tornare sulla terra diventa un quadrupede. Un gruppo di donne si avvicina al vecchio urlando tirandogli sassi. Il vecchio si è butta di nuovo in acqua.

Donna 1 – Vieni qui mascalzone; oggi dovrai spiegarmi come mai dormivi con me senza che mi rendessi conto. Chi ti ha detto che io sono tua moglie? Bandito! Non devi più venire; puoi morire lì!

Prove ad oggi

Malindi viene in moto, si ferma e chiede:

Malindi- Signori, scusate. Non avete visto da queste parti un cane? E’ un grosso cane; eravamo qui tranquilli e improvvisamente è scomparso. Era chiaro che era un cane che ha perso il suo proprietario. Io gli parlavo e lui  mi leccava, era contento, e si rideva. E ‘ vero!  Io, Malindi, non posso mentire, sono falegname.

Arrivato a casa:teatro Rapso

Ruquia- Non voglio cani qui a casa!

Malindi- Perché?

Ruquia- Dormirai con lui e poi verrai a letto con me?

Malindi- Come mai posso fare una cosa del genere, Ruquia?

Ruquia- Niente! Non voglio che dopo  ti sita a leccare.

Malindi- Mah! Mi faccio la doccia, donna! E non intendo cambiare te con il cane.


Ruquia va dal “curandeiro” e viene visitata nei dovuti modi tradizionali.

Ruquia- Ho un problema a casa. Mio marito ha sposato un cane.

Curandeiro- Ha sposato un cane, come?

Ruquia- Un cane è arrivato a casa nostra e ora mio marito non pensa più a me; pensa soltanto al cane.

Curandeiro- Ma suo marito ne ha parlato con la famiglia?

Ruquia- Non lo so.

Curandeiro- Suo marito di solito dorme con il cane?

Ruquia- Manca poco.

Si sviluppa un rituale tipico.

Curandeiro- Signora, suo marito è malato.

Ruquia- Come fa a saperlo?

Curandeiro- Sono il “curandeiro”! ( ) Ha un rasoio?

Ruquia- Si; ce l’ho (prendendolo)

Curandeiro- Ed è nuovo?

Ruquia- Si; è nuovo!

Si procede con il vaccino tradizionale.

Curandeiro- Signora, lasci pure che il cane rimanga a casa. Suo marito ha bisogno del cane, ma lei è sua moglie.

Ruquia- (Con dei dubbi, balbettando) – Non vorrei aspettarmi che il farabutto vada a cercare la terza moglie.

Curandeiro- Cosa ha detto?

Ruquia- Niente, parlo con me stessa.


Estratti scenici di commedia – 2

(CONTINUA…)

vitor-raposo-teatro-1